.
Annunci online

Andai nei boschi perchè volevo vivere con saggezza, in profondità, succhiando tutto il midollo della vita...
23 novembre 2007
Stefano, forse una svolta!
 Dal Sito del Resto del Carlino - questa notizia mi riempie di speranza e di gioia!

L'identikit dell'aggressore di Gonella Bologna, 23 novembre 2007 - L'assassino di Stefano Gonella, il giovane bergamasco ucciso nel suo appartamento con colpi a collo e schiena, conosceva la sua vittima. A dirlo e' stato il procuratore aggiunto di Bologna, Silverio Piro. Alla conclusione gli investigatori sono arrivati anche grazie al profilo, tracciato dall'Uacv (unita' analisi crimini violenti) della polizia. Le indagini, fanno capire, potrebbero essere vicine a una svolta.

 

Il ragazzo, di 26 anni, fu ucciso il 24 settembre 2006 in via Passarotti. A ucciderlo fu un fendente alla gola. Un delitto che scosse la citta', tuttora insoluto. Simile, per certi versi, a quello avvenuto alcune settimane fa a Perugia. Gonella frequentava il mondo degli studenti e testimone del delitto fu il ragazzo spagnolo che da pochi giorni ospitava in casa arrivato in citta' con il programma Erasmus. Gonella era legato ad una ragazza inglese, Verity, che pero' non era a Bologna in quei giorni.

 

Lo spagnolo, mentre stava dormendo nottetempo, aveva visto Gonella rientrare con una persona, poi aveva udito rumori di quella che gli era sembrata una colluttazione nella stanza del bergamasco. Poco dopo l'ospite se ne era andato. Grazie alla sua testimonianza, e a quella di un residente della zona che aveva visto una persona con i capelli lunghi buttare nel pattume una borsa nera che apparteneva alla vittima, la polizia elaboro' un identikit.

 

Oggi la polizia ne ha diffuso uno nuovo: e' una persona alta circa un metro e 80, capelli lunghi, piu' o meno coetaneo della vittima. L'identikit, con i capelli ondulati, e' stato rielaborato partendo da un capello ritrovato nella casa. Ma il magistrato, con la collega Gabriella Tavano contitolare dell'indagine, ha spiegato che gli elementi scientifici emersi hanno rivelato incongruenze che fanno ritenere agli inquirenti che un testimone non abbia detto tutto cio' che sapeva.

 

Dall'incrocio dei dati raccolti, anche con diversi sopralluoghi della polizia scientifica, e' emersa anche la possibilita' che sulla scena del delitto ci sia stata una donna. Addirittura, hanno aggiunto gli inquirenti, l'identikit potrebbe riferirsi ad una donna. I magistrati hanno quindi lanciato un appello al testimone.

 

Dell'omicida pero' la polizia conosce di sicuro il 'profilo criminale' e ha anche il Dna, lasciato sul luogo del delitto. ''Chi ha ucciso Gonella lo conosceva - ha detto senza volere dare altre spiegazioni il Pm Silverio Piro - e aveva un motivo chiaro per farlo''.




permalink | inviato da IlCerchioAttornoAlFuoco il 23/11/2007 alle 19:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
22 settembre 2007
Remembering...1
La data esatta è lunedì, il 24. Ma se si parla dei giorni della settimana, e degli eventi...è stanotte che tutto un anno fa accadde. Domani mattina alle sei, Stefano è morto dissanguato nella sua casa di Bologna. Non un nome nè un motivo per tutto ciò. Stasera c'è la festa delle mongolfiere al parco urbano di ferrara. L'anno scorso eravamo là, io, Eri, Carli e Luca. E Ste forse era già fuori, o stava per andare in giro, fra via del pratello e via zamboni, ad incontrarsi con chi gli toglierà, ore dopo, la vita.
Mi ha segnato la vita.



permalink | inviato da IlCerchioAttornoAlFuoco il 22/9/2007 alle 20:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
12 settembre 2007
Compleanno...che non si compie.
Oggi Ste avrebbe compiuto 27 anni. Ricordo come fosse ieri, la cena con i colleghi, un anno fa. Avevamo approfittato anche per festeggiarlo.
Maledizione!
Auguri Ste, per un compleanno che non puoi festeggiare.



permalink | inviato da IlCerchioAttornoAlFuoco il 12/9/2007 alle 18:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
4 settembre 2007
Giornalisti:quando le notizie vengono trattate in maniera diversa.
A volte, come stiamo vedendo nel caso di Garlasco, i media riescono ad essere fin troppo presenti ed invadenti, nella vita della vittima, delle persone che le sono accanto, nella indagine stessa, che a volte rischiano anche di compromettere, diffondendo notizie poi rivelatesi false, oppure diffondendo notizie vere che, date con una tempistica diversa rispetto alle necessità delle indagini, rischiano di comprometterle.
Altre volte, invece, quando sarebbe necessario che la stampa si adoperasse per aiutare il lavoro della polizia nelle indagini, i media si fanno improvvisamente di nebbia.
Non ho la sfera di cristallo e non posso sapere "come sarebbero andate le cose se", ma se la stampa avesse dedicato all'omicidio di Stefano anche solo un decimo del tempo che sta dedicando all'omicidio di Garlasco, forse l'identikit dell'assassino di Ste sarebbe comparso sui giornali non solo una domenica in un piccolo trafiletto, e velocemente sul tg regionale della stessa domenica, ma sarebbe stato diffuso in maniera un pochetto più martellante almeno per una intera settimana anche sui mezzi di comunicazione nazionali, dandogli un risalto notevole. E magari adesso, a quasi un anno dalla morte di questo mio amico che aveva solo 26 anni, ci sarebbe un nome e forse anche un movente. E invece non c'è nulla. Solo il dolore di una perdita improvvisa ed inspiegabile. E ancora la rabbia, che va e viene, come la marea, ma da qualche parte c'è sempre.
27 agosto 2007
Faticando...non so dove vado
Sto facendo fatica...non so se è l'estate o che...ma non credo riuscirò a dare nessun esame a settembre. Mi manca la voglia, guardo i libri e inizio a pensare ad altro. Sarà stato il clima pessimo in casa, che ha tirato avanti almeno fino a giovedì scorso. Sarà che sento come urgentissimo e primario il dover essere indipendente dai miei. Sarà che alla fine preferisco lavorare che studiare (è decisamente più divertente). Sarà che non so dove sto andando. Sarà che il 24 settembre si avvicina e se prima il ricordo di Stefano e il dolore si erano sopiti, ora tornano fuori, sempre forti, sempre vivi, con vecchi ricordi che giacevano in una parte dimenticata di memoria, che riaffiorano. Le sensazioni. Le immagini. La voce! Uno dei miei terrori più grandi, quando è stato ucciso, era di dimenticare la sua voce, quella voce che un po' in modo scherzoso, mi chiamava la mattina nel corrodoio sottorraneo del Jolly: Clarabus! Me la ricordo! La sua voce c'è ancora nella mia testa e anche la sua risata un po' frenata, il suo modo di sorridere. Ste è ancora vivo nella mia testa e dentro di me. E sono contenta che sia così. Il dolore rimane forte, a volte fa mancare il fiato, ti contrae lo stomaco e ti lascia in apnea e le lacrime scendono. Ma va bene così. Perchè Ste non è dimenticato e il dolore va bene, perchè non è dimenticato nemmeno quello che è successo. Perchè la speranza di trovare il suo assassino, io ce l'ho ancora. Certo, sbaglio. Inutile sperare. Ma almeno so che c'è. e lui pure, è dentro ognuno di noi, quelli che l'abbiamo conosciuto e che gli hanno voluto bene.



permalink | inviato da IlCerchioAttornoAlFuoco il 27/8/2007 alle 20:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
23 maggio 2007
8 mesi - fame di giustizia
Era da un po' che riuscivo a non scriverne...ma questa notte, o meglio, domani mattina all'alba, saranno 8 mesi che Ste non c'è più. Mi manca. E il suo ricordo mi fa male e mi addolora. Ma chissà...il dolore a volte rende più maturi e più pronti ad affrontare la vita. L'estate è arrivata. E' caldo. Era una gran bella giornata di sole, calda e col cielo azzurro, quella che lui non ha visto arrivare. Continuo a volere giustizia. E ogni giorno che passa mi rendo sempre più conto che non c'è solo lui che mai avrà giustizia: ogni giorno migliaia di persone sono vittime della mancanza di giustizia. Non solo in Italia, ma al momento quello che mi colpisce di più è quello che succede nel nostro Bel Paese. Ma che sia bello...a chi può importare, se non è più sicuro? Se non solo i colpevoli spesso nn vengono presi, ma se vengono presi non c'è la certezza della pena. Vorrei poter far qualcosa per aiutare a cambiare le cose. Ma in fondo, sono solo una persona comune.



permalink | inviato da il 23/5/2007 alle 20:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
24 marzo 2007
6 MESI
Sono passati 6 mesi dall'omicidio di Stefano...e il suo assassino gira ancora in libertà. Lui è libero. Lui vive. Ste invece è rinchiuso. E non vive più.
  l'assassino



permalink | inviato da il 24/3/2007 alle 9:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
7 marzo 2007
Similitudini inquietanti
E' stato ucciso un pensionato a Roma. Con una coltellata alla gola, in casa sua. Nell'androne, il convivente incrocia uno straniero (forse rumeno), con in mano una valigia piena di roba. Perchè mi sembra di avere già sentito un discorso simile (almeno, con alcuni leggeri parallelismi) per Stefano? E' vero, mi aggrappo a tutto nella speranza che prendano il suo assassino. E i mesi passano e non succede niente. A parte la giustizia nostrana, che tanto sappiamo essere quella che è,...mi chiedo...ma una giustizia divina, che non solo si occupi di quel bastardo dopo la morte, ma che dia un senso di relativa pace a noi che siamo qui giù sulla terra, no?



permalink | inviato da il 7/3/2007 alle 22:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
10 dicembre 2006
E i pensieri borbottano e ribollono nella mia testa
Ieri sera siamo andati a mangiare al ristorante indiano (Delhi Palace), moooooolto buono! e spesa nella norma. Dopodichè, siamo andati all'osteria fuori porta, dove, per circa due ore, abbiamo impegnati i nostri cervelli stralunati a SCARABEO! Cavolo!!! Stavo vincendo, avevo già vinto, se quel puzzone di Vanno non si dichiarava "puzzo", e non mi fregava la z per il mio "zoo". e poi, avrei comunque vinto se non avessimo usato le regole balocche di quello simil-scarabeo. comunque, aspetto solo la rivincita! buahahahahaha
nel frattempo...ho tanti pensieri che mi frullano e si impastano nella mia mente oscurata dalla nebbia emiliana-romagnola. purtroppo negli ultimi tempi si è tornato a far sentire il ricordo di Stefano, non che me ne fossi dimenticata, ci mancherebbe! Ma sono passati più di due mesi dalla sua morte, e non è ancora stato trovato il bastardo che l'ha ammazzato. Non penso di chiedere qualcosa di immorale ed impossibile. Chiedo solo giustizia. Non per lui. Lui non c'è più. Per noi che rimaniamo, per la sua famiglia, per la sua ragazza, per tutte le altre persone di questo mondo che potrebbero entrare in contatto con l'assassino e rischiare anche loro la vita. E poi, la scorsa settimana, mentre io e Gabriella eravamo giù, dalla nostra macchinetta a prendere un caffè, è uscito Alessio dallo spogliatoio uomini. Io gli davo la schiena, quindi non l'ho visto subito, ma ho visto la Gabri bloccarsi ed impallidire. Mi sono girata, e in quel momento lei mi ha detto "mi era sembrato Stefano", ed in effetti avevamo davanti, di spalle, la copia di Ste, alto, magro, con passo leggermente ciondoloni, e con la coppola in testa. Dio, le lacrime che vorrei versare ancora e che cerco di trattenere! ma a rimanere dentro fanno ancora più male. Perchè non è giusto trattenere la propria tristezza solo per mostrarsi forti davanti agli altri. Mi manchi, Stefano, manchi a tutti. E quante cose stanno continuando a succedere. E tu non ne fai più parte. La Gabri non ha fatto in tempo a dirti che era incinta. Fra due mesi nascerà Sofia. Franca se ne è andata a Roma. E' arrivato Baldassarre al ricevimento. Lo chef se ne andrà a gennaio. A me hanno negato sia il 3° livello, che il full-time e mi hanno negato due settimane di ferie (centro congressi praticamente deserto). Alla Mella, però il 3° livello l'hanno dato. E ho sentito Angelo, manchi tanto anche a lui. Paolo stava ancora aspettando la piadina e la birra. Ste. Perchè non c'è giustizia in questo mondo? Perchè non lo trovano, maledizione!!?? Ma tanto...tu non tornerai più. Avrai per sempre 26 anni e rimarrai per sempre un ricordo per quelli che ti hanno conosciuto e ti hanno voluto bene.
Ecco. Adesso ho pianto. Le lacrime scendono ancora. Ogni tanto bisogna. Sono in casa da sola, e per quando i miei saranno tornati, avrò di nuovo la maschera forte, da persona che supera tutto e va avanti. Ma una parte di me resterà sempre, anche se tenuta celata in fondo in fondo, bloccata al 24 settembre 2006, giorno in cui tutto sembrava perfetto e mi sentivo libera, giocavo sulla spiaggia di cesenatico, costruendo castelli di sabbia, ed imrpovvisamente il mondo crollò. Certe cose non possono capitare a me. Io sono io, e vivo a Bologna. E a Bologna la gente non viene ammazzata in casa propria. E poi a me non può capitare. Non può capitare alle persone che conosco e che voglio bene. No, no. Sto sognando, avendo un incubo. Aspetterò di svegliarmi. Sto ancora aspettando.



permalink | inviato da il 10/12/2006 alle 12:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
27 ottobre 2006
Cedere all'oblio
Ho passato un mese psicologicamente molto brutto. Ogni giorno mi riportavo alla mente Stefano, ma non quello che gli è successo, me lo rivedevo in scene del passato, lo risentivo salutarmi con il suo "Clarabus!" fragoroso! Mi rendevo conto di rischiare di perdere completamente il cervello. Di impazzire. Mi sono resa conto che dovevo permettere all'oblio di prendere i miei ricordi, di oscurare i brutti ricordi. Riaffioriranno quando sarò più calma e sarò pronta ad affrontare i ricordi su Ste con tranqullità. Da quando ho inziato a rilassarmi e a pensare meno a lui, mi sento più felice. Potrebbe sembrare brutto. Non voglio dimenticarmi di lui, è non succederà. Sarà sempre con me, ma adesso non posso rovinarmi il cervello e la mia psiche per il passato, nell'attesa che prendano quello stronzo.



permalink | inviato da il 27/10/2006 alle 22:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE