.
Annunci online

Andai nei boschi perchè volevo vivere con saggezza, in profondità, succhiando tutto il midollo della vita...
CULTURA
26 febbraio 2011
"Amori e altri rimedi"...un nuovo modo di fare pubblicità
Riprendo questo blog dopo più di 3 anni, perchè mercoledì ho visto al cinema Amori e altri rimedi e sono rimasta molto perplessa. Sono pressochè certa che siamo di fronte ad un nuovo modo di fare pubblicità, molto pericoloso, fra l'altro. Nel film, vengono per tutto il tempo citati prodotti della Pfizer, spesso anche in contrapposizione ad altri prodotti di altre case farmaceutiche ad essi concorrenti, esaltando i vantaggi dei prodotti Pfizer rispetto a questi ultimi (senza ovviamente alcuna possibilità di contradditorio). Il logo Pfizer è ovunque ed ad esso sono associati bei ragazzi e belle ragazze che grazie a quei prodotti possono vivere meglio la loro vita e possono fare sesso, tanto sesso (ce n'è così tanto nel film che diventa anche noioso!). Insomma...mica che Pfizer ha deciso di sponsorizzare pesantemente questo film proprio per iniziare una nuova era della pubblicità? i caratteri per attirare a vedere il film ci sono: attori famosi e belli, film commedia con un po' di tristezza che non fa mai male ma in cui ovviamente l'amore trionfa sempre, sesso, soldi, potere...solo un dettaglio...e se la gente inizia a prendere sul serio un film? nel senso, di solito chi fa una sceneggiatura su un film realistico dovrebbe assicurarsi circa i caratteri di veridicità degli argomenti trattati....è stato fatto? è vero che il prozac fa più danni dello Zoloft (Pfizer)? e perchè se non Pfizer non ha nulla a che fare con ciò, non hanno prodotto un film in cui si parlava di una casa farmaceutica inventata, con prodotti da nomi inesistenti? 



permalink | inviato da IlCerchioAttornoAlFuoco il 26/2/2011 alle 19:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 66562 volte




IL CANNOCCHIALE